Visite dal primo febbraio 2017

lunedì 15 maggio 2017

I voltastomaco o i voltastomaci/chi?


Sul plurale di voltastomaco non tutti i vocabolari concordano: alcuni lasciano il vocabolo invariato, altri lo pluralizzano in "-chi" o in "-ci", altri ancora sono "possibilisti" (invariato o plurale). Personalmente lo pluralizziamo perché seguiamo la "legge" che regola il plurale dei nomi composti. Tale legge stabilisce che i nomi composti di una voce verbale (voltare) e di un sostantivo singolare maschile (stomaco) prendono la normale desinenza del plurale: il voltastomaco / i voltastomaci/chi. Vediamo, ora, i vocabolari consultati. DOP, non specifica, quindi varia; De Mauro, non specifica, pertanto varia; Devoto-Oli, pluralizza in "-chi"; Gabrielli, pluralizza in "-ci" o in "-chi"; Garzanti, come il Gabrielli; Treccani, invariato; Palazzi, non specifica, quindi varia; Sabatini Coletti, invariato o puralizza in "-ci" o in "-chi"; Zingarelli, pluralizza in "-chi". Quanto a stomaci o stomachi, preferiamo la forma in "-ci" perché i sostantivi in "-co" sdruccioli (con l'accento tonico sulla terzultima sillaba) nel plurale, generalmente,  perdono il suono gutturale: parroco /parroci; sindaco /sindaci. Una rapida ricerca con Googlelibri, però,  sembra darci torto: 311.000 occorrenze per stomachi e 22.700 per stomaci.

Nessun commento: